senza categoria

Costolette d’agnello in crosta di pinoli…..”mordi e fuggi”

4 settembre 2011

Buongiorno!!! In questa calda estate nella mia tavola non potevano mancare di certo i finger food! Quelle “piccole” pietanze che si mangiano con le mani e non serve neppure mettersi a sedere. Nel mese di agosto abbiamo fatto molto “finger food” in casa mia, tra l’altro in Sale & Pepe c’erano delle “chicche” che si mangiavao con gli occhi! Ed ecco quindi una prima ricetta che in casa mia è stata gradita tantissimo.
La spesa per 4 persone
12 costolette di agnello
150 gr di mollica di pane di grano duro
80 gr di pinoli
1 pezzetto di scorza di limone non trattato
qualche foglia di erba limoncina
1 piccolo spicchio di aglio
1 albume
olio EVO
sale e pepe q.b.
Raccogliere nel mixer la mollica di pane spezzettata, l’aglio, la scorza di limone e le foglie di erba limoncina e frullare fino a ridurre tutto in briciole fini. Unite anche i pinoli e tritate ancora brevemente, per non sminuzzarli troppo.
Spennellate le costolette di agnello con l’albume leggermente sbattuto con sale e pepe, quindi passatele nel mix preparato, schiacciandole bene con il palmo della mano per fare aderire l’impanatura su entrambi i lati; poi scuotetele per eliminare quella in eccesso.
Scaldate un filo di olio in una padella antiaderente e cuocetevi le costolette 2-3 minuti per lato, o fino a quando saranno dorate e croccanti. Asciugatele, tamponandole con carta da cucina e servite.
Queste costolette sono buonissime anche tiepide, oppure fredde ma non di frigorifero. 
Buona domenica a tutti.

senza categoria

Spaghetti aglio, olio, peperoncino e formaggio di Fossa

1 settembre 2011

Buon Settembre a tutte/i voi. Beh, l’ho detto più volte, io amo in modo particolare l’autunno, è come se iniziasse un nuovo anno. Tante idee e buoni propositi si “aggirano” dentro la mia testolina…. Vedrete poi. Ancora non siamo in autunno! Vi “tocca” aspettare. 
Intanto voglio festeggiare oggi l’inizio di questo mese proponendovi un piatto quasi ridicolo per la sua semplicità ma dove ho aggiunto un “tocco” mio. 
Questa ricetta tanto semplice ha per me tanti ricordi, mi piace sopratutto per questo. 

L’anno scorso ho messo i peperoncini sott’olio, in questo modo.

Ho lavato bene i peperoncini, li ho messi ad asciugare in un panno pulito, il giorno dopo ho tolto loro il picciolo, li ho stagliuzzati e messi dentro ai vasetti ricoprendoli di olio EVO buono. Ricordate di non togliere i semi, perchè altrimenti non saranno molto piccanti. Ho messo i vasetti al micro per 1 minuto, poi li ho sigillati. Ne avevo ancora un vasetto in dispensa, e l’ho usato per i miei spaghetti.

Visto che questa ricetta è di una semplicità unica e tutti la sappiamo fare non starò qui a spiegarvela, ma vi dico che io ho aggiunto il mio “tocco” personalizzato aggiungendo il Formaggio di Fossa tagliato con il pelapatate. Quindi a scaglie sottili.

Sono una bontà credetemi.

Ora, che il contest sul cioccolato è giunto al termine e aspettiamo solo che Mirco decreti i vincitori, vi ricordo il GIVEAWAY dei Libri Vagabondi. Ci sono dei bei premi, anadate a vedere qui come si partecipa. E’ inutile dire che vi aspetto numerosi.

 

senza categoria

Barchette di melanzane dell’orto

31 agosto 2011

Buongiorno! Rieccomi qui con il secondo appuntamento con le verdure ripiene. Oggi parliamo di melanzane. Non sono melanzane comuni queste, ma bensì del mio orticello. Sono così orgogliosa del mio piccolo orto. Ho piantato poche cose, insalata, melnzane, zucchine, pomodori. L’unica piantina di melanzana bianca non è nata, ovvero, è nata ma è rimasta piccola ed è andata a male. Chissà perchè! Il resto però è cresciuto bene ed è stato mangiato con un gusto che non vi dico. I pomodori raccolti e mangiati ancora tiepidi del calore del sole, non andrebbero neppure conditi perchè hanno il loro sapore….una bontà. 
Comunque tornando alle melanzane ecco come ho fatto.
2 melanzane
Qualche fetta di prosciutto cotto di Praga
pomodori
burrata
sale e pepe, olio EVO
Lavare le melanzane ed asciugarle. Praticare due tagli lungitudinali a distanza di un dito l’uno dall’altro. Togliere con uno scavino la polpa. Salare e pepare leggermente. Nel piatto crisp del micro mettere un pochino di olio EVO, ungere con il pennello. Mettere il piatto nel micro con la funzione crisp per 1 minuto, quindi adagiare sullo stesso le melanzane. Qualche minuto per cuocerle, circa 5 in totale rigirandole. 
Quando saranno cotte, adagiare nel fondo delle melanzane 2 fette di prosciutto cotto di Praga, quindi la burrata a pezzetti ed infine i poimodori tagliati a pezzi. 

Rimetterle per 1 minuto nel micro per sciogliere la burrata. 

Sono buone sia calde, che tiepide, che fredde.

Vi chiederete ora cosa ne ho fatto della polpa delle melanzane….. ve lo dirò in una prossima puntata.

 Ed vi ricordo che stanotte a mezzanotte scade il contest 

 
 
 
 Domani metterò tutte le ricette rimanenti nel post, così Mirco avrà il suo bel da fare a scegliere, non vorrei essere al suo posto. Siete state bravissime tutte ed io non saprei propriocome fare a decretare le vincitrici!
Grazie a tutte/i
 
senza categoria

Clafoutis di pesche nettarine

28 agosto 2011

Evviva!!!! Dopo giorni di caldo torrido e umidità alle stelle è finalmente arrivato un pò di fresco! Stanotte abbiamo dormito benissimo! Ci voleva proprio. Io sono piena di energie nonostante ancora non stia proprio bene. Stamattina mi sono alzata alle otto e ho fatto le pulizie in casa, fuori in giardino e fatto anche un dolce…..cotto al forno!!!
Ora ammetto di essere un pò stanca e accaldata, ma sono soddisfatta. 
Il dolce poi è venuta una meraviglia. E’ semplicissimo da fare, veloce e anche “un pò” dietetico….non c’è il burro!!!

Per la spesa
3 pesche noci mature

50 g di zucchero di canna + un pò per la pirofila
1 uovo 

50 gr di farina per dolci (per me Farina Rosignoli)

100 ml di latte
1 pizzico di vaniglia (Per me Vaniglia del Madagascar in polvere ditta Ferri)
 burro per la pirofila

Imburrare una pirofila di 20 cm di diametro e cospargere con lo zucchero di canna. Lavare bene le pesche, asciugarle e tagliarle a fettine sottili con la loro buccia. Metterle nella pirofila sovrapponendole un pò. In una terrina sbattere l’uovo con lo zucchero di canna, aggiungere la farina setacciata, la vaniglia e il latte facendo attenzione che non si formino grumi. Rovesciare il composto sopra le pesche. Infornare in forno preriscaldato a 200°C per 40 minuti.  

Questo dolce è buonissimo servito tiepido, con un accompagnamento di panna montata o di gelato alla vaniglia. 

A questo punto non mi resta che presentarvi il nuovo ospite di casa Conti alle prese con il cibo naturalmente!
 

 
Questo è Pippo la tartaruga di 11 anni che abbiamo adottato.
 
Come potete vedere anche Pippo è un buongustaio….
Ora vi salutiamo e vi auguriamo una splendida e fresca domenica.

CONSIGLIA Ciambella 12 Cucchiai Arancia e Cioccolato