senza categoria

Barchette di melanzane dell’orto

31 agosto 2011

Buongiorno! Rieccomi qui con il secondo appuntamento con le verdure ripiene. Oggi parliamo di melanzane. Non sono melanzane comuni queste, ma bensì del mio orticello. Sono così orgogliosa del mio piccolo orto. Ho piantato poche cose, insalata, melnzane, zucchine, pomodori. L’unica piantina di melanzana bianca non è nata, ovvero, è nata ma è rimasta piccola ed è andata a male. Chissà perchè! Il resto però è cresciuto bene ed è stato mangiato con un gusto che non vi dico. I pomodori raccolti e mangiati ancora tiepidi del calore del sole, non andrebbero neppure conditi perchè hanno il loro sapore….una bontà. 
Comunque tornando alle melanzane ecco come ho fatto.
2 melanzane
Qualche fetta di prosciutto cotto di Praga
pomodori
burrata
sale e pepe, olio EVO
Lavare le melanzane ed asciugarle. Praticare due tagli lungitudinali a distanza di un dito l’uno dall’altro. Togliere con uno scavino la polpa. Salare e pepare leggermente. Nel piatto crisp del micro mettere un pochino di olio EVO, ungere con il pennello. Mettere il piatto nel micro con la funzione crisp per 1 minuto, quindi adagiare sullo stesso le melanzane. Qualche minuto per cuocerle, circa 5 in totale rigirandole. 
Quando saranno cotte, adagiare nel fondo delle melanzane 2 fette di prosciutto cotto di Praga, quindi la burrata a pezzetti ed infine i poimodori tagliati a pezzi. 

Rimetterle per 1 minuto nel micro per sciogliere la burrata. 

Sono buone sia calde, che tiepide, che fredde.

Vi chiederete ora cosa ne ho fatto della polpa delle melanzane….. ve lo dirò in una prossima puntata.

 Ed vi ricordo che stanotte a mezzanotte scade il contest 

 
 
 
 Domani metterò tutte le ricette rimanenti nel post, così Mirco avrà il suo bel da fare a scegliere, non vorrei essere al suo posto. Siete state bravissime tutte ed io non saprei propriocome fare a decretare le vincitrici!
Grazie a tutte/i
 
senza categoria

Clafoutis di pesche nettarine

28 agosto 2011

Evviva!!!! Dopo giorni di caldo torrido e umidità alle stelle è finalmente arrivato un pò di fresco! Stanotte abbiamo dormito benissimo! Ci voleva proprio. Io sono piena di energie nonostante ancora non stia proprio bene. Stamattina mi sono alzata alle otto e ho fatto le pulizie in casa, fuori in giardino e fatto anche un dolce…..cotto al forno!!!
Ora ammetto di essere un pò stanca e accaldata, ma sono soddisfatta. 
Il dolce poi è venuta una meraviglia. E’ semplicissimo da fare, veloce e anche “un pò” dietetico….non c’è il burro!!!

Per la spesa
3 pesche noci mature

50 g di zucchero di canna + un pò per la pirofila
1 uovo 

50 gr di farina per dolci (per me Farina Rosignoli)

100 ml di latte
1 pizzico di vaniglia (Per me Vaniglia del Madagascar in polvere ditta Ferri)
 burro per la pirofila

Imburrare una pirofila di 20 cm di diametro e cospargere con lo zucchero di canna. Lavare bene le pesche, asciugarle e tagliarle a fettine sottili con la loro buccia. Metterle nella pirofila sovrapponendole un pò. In una terrina sbattere l’uovo con lo zucchero di canna, aggiungere la farina setacciata, la vaniglia e il latte facendo attenzione che non si formino grumi. Rovesciare il composto sopra le pesche. Infornare in forno preriscaldato a 200°C per 40 minuti.  

Questo dolce è buonissimo servito tiepido, con un accompagnamento di panna montata o di gelato alla vaniglia. 

A questo punto non mi resta che presentarvi il nuovo ospite di casa Conti alle prese con il cibo naturalmente!
 

 
Questo è Pippo la tartaruga di 11 anni che abbiamo adottato.
 
Come potete vedere anche Pippo è un buongustaio….
Ora vi salutiamo e vi auguriamo una splendida e fresca domenica.

senza categoria

Tiramisù un pò speciale

26 agosto 2011
Ho deciso! Lo contrasto! Sto parlando del caldo. Ho passato giorni allucinanti. Lamentandomi, chiusa in casa, quando non ero al lavoro, in taverna, non volevo accendere neppure un fornello. Sono debilitata, ho preso il raffreddore, tosse, otite…..ecco, quelli li ho presi ma in compenso ho perso il mio cellulare, con tutti i numeri di telefono. Sto assumendo antiinfiammatori, scioglitosse, ecc ecc, in faccia sono trasparente! Non riuscivo neppure a passare dai vostri blog, debbo aggiornare l’elenco dei partecipanti al contest del cioccolato, non riuscivo a fare nulla. Poi mi sono detta: Com’è possibile che un pò di caldo mi riduca così? Affronta questo nemico a testa alta! E così sto facendo. Ieri pomeriggio sono uscita dal mio bunker e mi sono data da fare. Ho preparato delle “cose” (vi dirò poi) con il micro, ed ho fatto questo meraviglioso Tiramisù speciale. E’ speciale perchè non c’è il caffè come nel classico tiramisù, ma bensì la lavanda.
Per la spesa

2 tuorli d’uovo 
2 cucchiai di zucchero

1 bicchiere di infuso alla lavanda leggermente zuccherato (Infuso della ditta Ferri)
savoiardi q.b.
2 cucchiai di brandy
200 g di panna montata
cacao in polvere
Mettere sul fuoco un pentolino con l’acqua e portarlo a bollore. Mettere l’infuso di lavanda, circa una manciata e spegnere il fuoco. Nel frattempo montate i tuorli con lo zucchero fino a che non diventa un giallo pallido. Aggiungere il brandy e amalgamare bene. Montare la panna ben ferma. Amalgamare la panna montata ai tuorli facendo attenzione a non smontarla, usare una spatola di sillicone con movimenti leggeri dal basso verso l’alto. Filtrare lìinfuso di lavanda, deve essere tiepido, e aggiungere un cucchiaio di zucchero. Bagnare i savoiardi, e iniziare a fare uno strato nelle vostre coppette. Coprite poi con la panna montata, ed una spolverata di cacao. Mettete gli ingredienti fino a chè li avrete finiti. Concludete con una spolverata di cacao.
Cosa ne pensate? Potrebbe “tirare su” o no?
In giornata passo da “casa vostra” per vedere se siete sopravissute al grande caldo meglio di me. 

Con questa ricetta partecipo al contest di Lecoqchante

senza categoria

Crespelle con porro e speck

24 agosto 2011
Ebbene si! Lo debbo confessare. Non ho mai fatto una crespella in tutta la mia vita! E’ che non mi hanno mai ispirata.. Però sono arrivata alla conclusione che debbo provare. Girando e curiosando nel web ne ho viste di bellissime. 

Quindi…..eccole qui le mie crespelle.

Per le crespelle

150 grammi di farina 
3 uova
2 dl di latte
sale
Per il ripieno
2 porri
2 hg di speck
olio EVO

Sbattete le uova con il sale e poco latte, aggiungete poi la farina setacciata e mescolate con una frusta fino ad ottenere una pastella omogenea e senza grumi.

Lasciate riposare per mezz’ora in frigo e mescolare prima dell’utilizzo.

Per preparare le crespelle occorre ungere una padella antiaderente  e metterla sul fuoco.

Quando la padella sarà ben calda, versatevi un mestolino di composto e, ruotando velocemente la padella, distribuitelo in modo uniforme sul fondo, formando uno strato sottile.

Una volta che il composto ha preso colore, girate la crespella, con l’aiuto di una spatola e fatela dorare anche dall’altra parte.

Disponete la crespella su un foglio di carta assorbente e procedete nella preparazione delle altre, fino ad esaurimento del composto.

 
Il ripieno
Fre rosolare i  porri  tagliati a rondelle in una padella antiaderente con un poco di olio EVO. Quando  risultano dorati, spegnere il fuoco e aggiungere le fettine di speck stagliuzzate. Insaporite, e farcite le crespelle.

Quindi chiuderle in tre parti.

Poi che dire? Gustatevele come piatto unico con una bella insalata fresca di contorno ed un bicchiere di Sangiovese di Romagna.

CONSIGLIA Mix cereali e quinoa con pollo e porri