Browsing Category

Formaggi freschi

Cose salate, Cucino e poi regalo, Formaggi freschi, Pausa pranzo al lavoro, Secondi, Videoricette

Insalata di lenticchie e mazzancolle

6 luglio 2017

In collaborazione con l’Azienda Miele, oggi vi presento le “lenticchie Bio Pronte all’aceto balsamico di Modena IGP” .
Una vera comodità averle in casa perché  basta svitare il coperchio, metterle in un colino e sciacquarle velocemente, possono essere mangiate così con un filo di olio extravergine d’oliva, oppure fare una veloce insalata. Io le ho provate in svariati modi, oggi ve ne presento uno.
Continue Reading…

Cose salate, Dip spread salse, Formaggi, Formaggi freschi, Low cost (a basso costo), senza categoria, spuntini brunch picnic, Stuzzichini e finger food

#IFoodinstore fa tappa a Carpi ed io vi presento la Crema di ceci con formaggio Raviggiolo, profumata di zenzero e lime

28 marzo 2017

Un bellissimo pomeriggio trascorso allo Store Scavolini di Carpi in provincia di Modena insieme a Claudia Casadio.
Bellissime cucine, direi il top, bella gente, tanti interessata sia alle cucine che ai nostri manicaretti.
Soddisfazione tanta!

Tante persone sono venute a salutarci, a chiedere informazioni su #ifoodit , su di noi, sui libri.

La mia ricetta, per l’occasione, è stata una crema di ceci con l’aggiunta del formaggio Raviggiolo, lime e zenzero. Il formaggio Raviggiolo è tipico delle regioni Romagna/Toscana. E’ un formaggio semplice si può tranquillamente  fare in casa, con pochi ingredienti.

 

La signora che è stata la mia aiutante, qui sta raccogliendo la cagliata che poi diventerà formaggio.

Ingredienti per 10 bicchierini

250 g di ceci già cotti e scolati
100 g di formaggio Raviggiolo (per chi si volesse cimentare nel farlo in casa, la ricetta la trovate qui)
1 cucchiaino di olio extravergine di oliva
la buccia di un lime grattugiata
1 cm circa di zenzero fresco
verdure crude oppure
sale q.b.

Procedimento
Frullate i ceci insieme all’olio e al formaggio Raviggiolo. Grattugiate il lime e lo zenzero spellato. Mescolate bene. Aggiungete il sale, assaggiate.
Aiutandovi con una tasca da pasticcere riempite i bicchierini, aggiungete alla fine le verdure colorate (peperoni e zucchine, appena scottati), oppure potete mettere i germogli misti che danno un tocco di freschezza.

Il mio consiglio – Preparate la crema di ceci la sera prima. Questo fa si che tutti gli ingredienti si amalgamino bene tra di loro e la vostra crema sarà molto più buona. Prima di servire aggiungete sul momento i germogli o le verdure.

Grazie #scavolini, grazie #scavolinistorecarpi grazie #ifoodinstore

Colazione e merenda, Confort food, Cose dolci, Cose salate, Formaggi freschi

La ricetta del Formaggio Raviggiolo con il cioccolato “Armonia” dei F.lli Gardini firmato dallo chef Davide Oldani

21 marzo 2017

Non potevo non  provare subito questo cioccolato targato, in qualche modo, Romagna! Si, perché dietro alla nuova linea “Armonia”, c’è la firma si dello chef stellato Davide Oldani, ambasciatore della cucina italiana nel mondo, ma c’è l’esperienza dei Maestri Cioccolatai Fabio e Manuele Gardini, Cacao Barry, leader mondiale nel settore della pasticceria e cioccolateria, rappresentata qui dal direttore commerciale Enzo Pino, forlivese di nascita.

 

Un connubio eccellente direi, fatto  dall’incontro di tre personaggi che hanno un “certo peso”.
L’idea è stata di Davide Oldani che voleva una cioccolata che potesse essere usata nel suo ristorante D’O a Cornaredo e che rispondesse ai suoi valori, quelli di sempre: alta qualità, tracciabilità, essenzialità e buon gusto. E’ nata così questa linea dal nome “Armonia”.

“E’ l’armonia che muove la vita” ha spiegato Oldani, “è l’incontro con la bellezza, il buon gusto e l’equilibrio. Creando questo prodotto, abbiamo fatto questo”.
Non troppo fondente infatti, il 90%  di cacao nella cioccolata rovina la delicatezza che una cioccolata deve avere, inoltre c’è anche lo zucchero, perché è più buona se si sente il dolce.
I prodotti utilizzati sono di altissima  qualità e qui entra in gioco l’Azienda Barry-Callebaut che ha studiato l’unione di tre tipi di fave di cacao che si armonizzano tra di loro.
Poi i Maestri cioccolatieri Fabio e Manuele Gardini hanno fatto la loro parte di lavoro mettendo in atto la loro grande professionalità e facendo in modo di realizzare un cioccolato divino.

La linea “Armonia” con il simbolo Foo’d dello stesso Oldani, è stata pensata sia per essere venduta nei corner dedicati ai gourmet che alla Gdo, i supermercati, a un prezzo accessibile a tutti.
Attualmente il prodotto si trova nella rivendita dei F,.lli Gardini e a Malpensa nel “Davide Oldani Caffè”. Dal mese di settembre si potrà trovare anche nei supermercati.

La linea “Armonia” si compone in : Cioccolato extra fondente, cioccolato extra fondente con semi oleosi di zucca e lino, cioccolato extra fondente con liquirizia.

Abbiamo parlato anche di ricette con lo chef Davide Oldani, il quale ha giustamente criticato chi mette la nutella nella nostra buonissima piadina romagnola, ed io ho rincarato la dose aggiungendo  che neppure la maionese si deve mettere nella nostra piada 🙂
“I sapori devono essere equilibrati”, insiste lo chef, “prendete una piccola piadina calda, tostate una nocciola e grattugiatela sopra la piadina, grattugiate anche una po’ di cioccolata insieme a una scorzetta di limone.” Non ricordo se la scorzetta di limone la metteva sulla sogliola o sulla piadina, perché a quel punto la mia salivazione era a 1000, avrei potuto  perdere i sensi 🙂

Io non ho fatto la piada ma dovevo provarla oltre che mangiarla a morsi. In casa avevo del Formaggio Raviggiolo, il pane e l’olio buono, ho osato.

Ingredienti per il formaggio Raviggiolo

Per circa 3 hg di formaggio
1 lt di latte intero fresco
1 cucchiaino di caglio
1 pizzico di sale

Procedimento
Mettete il latte sul fuoco e portatelo ad una temperatura di 38°C. Toglietelo dal fuoco, aggiungete il cucchiaino di caglio ed il sale. Mescolate e lasciatelo riposare con il coperchio, per un’ ora circa.
A questo punto si sarà formata la cagliata che prenderete con le mani per metterla in una fuscella di diametro di cm 10.
Lasciatela scolare dapprima fuori dal frigorifero poi, il giorno dopo, dentro il frigorifero. Scolate il latticello che si formerà.

A questo punto potete usare il formaggio a piacimento.
Io l’ho spalmato sul pane, ho aggiunto un filo d’olio buono ed una bella grattugiata di cioccolato ai semi oleosi.

Osate anche voi!

CONSIGLIA Torta di mais