Browsing Category

Confort food

Colazione e merenda, Confort food, Cose dolci, Cucino e poi regalo

Plumcake al cedro e senza burro

28 aprile 2017

Tutti gli anni il 1° maggio, a Forlì, (piazza Morgagni, via Biondo Flavio, via Mercuriali e in un tratto di corso della Repubblica) dalle ore 7,00 alle 20,00, si festeggia San Pellegrino con la Sagra dei Cedri, il frutto che per le proprietà farmacologiche è diventato il simbolo del santo, venerato per le sue virtù terapeutiche. Durante la giornata è possibile acquistare i cedri nelle bancarelle allestite in prossimità della Basilica di Santa Maria dei Servi dedicata al Santo. Sono inoltre allestiti nelle vie adiacenti stand di oggettistica varia e gastronomia. Continue Reading…

Colazione e merenda, Confort food, Cose dolci, Cose salate, Formaggi freschi

La ricetta del Formaggio Raviggiolo con il cioccolato “Armonia” dei F.lli Gardini firmato dallo chef Davide Oldani

21 marzo 2017

Non potevo non  provare subito questo cioccolato targato, in qualche modo, Romagna! Si, perché dietro alla nuova linea “Armonia”, c’è la firma si dello chef stellato Davide Oldani, ambasciatore della cucina italiana nel mondo, ma c’è l’esperienza dei Maestri Cioccolatai Fabio e Manuele Gardini, Cacao Barry, leader mondiale nel settore della pasticceria e cioccolateria, rappresentata qui dal direttore commerciale Enzo Pino, forlivese di nascita.

 

Un connubio eccellente direi, fatto  dall’incontro di tre personaggi che hanno un “certo peso”.
L’idea è stata di Davide Oldani che voleva una cioccolata che potesse essere usata nel suo ristorante D’O a Cornaredo e che rispondesse ai suoi valori, quelli di sempre: alta qualità, tracciabilità, essenzialità e buon gusto. E’ nata così questa linea dal nome “Armonia”.

“E’ l’armonia che muove la vita” ha spiegato Oldani, “è l’incontro con la bellezza, il buon gusto e l’equilibrio. Creando questo prodotto, abbiamo fatto questo”.
Non troppo fondente infatti, il 90%  di cacao nella cioccolata rovina la delicatezza che una cioccolata deve avere, inoltre c’è anche lo zucchero, perché è più buona se si sente il dolce.
I prodotti utilizzati sono di altissima  qualità e qui entra in gioco l’Azienda Barry-Callebaut che ha studiato l’unione di tre tipi di fave di cacao che si armonizzano tra di loro.
Poi i Maestri cioccolatieri Fabio e Manuele Gardini hanno fatto la loro parte di lavoro mettendo in atto la loro grande professionalità e facendo in modo di realizzare un cioccolato divino.

La linea “Armonia” con il simbolo Foo’d dello stesso Oldani, è stata pensata sia per essere venduta nei corner dedicati ai gourmet che alla Gdo, i supermercati, a un prezzo accessibile a tutti.
Attualmente il prodotto si trova nella rivendita dei F,.lli Gardini e a Malpensa nel “Davide Oldani Caffè”. Dal mese di settembre si potrà trovare anche nei supermercati.

La linea “Armonia” si compone in : Cioccolato extra fondente, cioccolato extra fondente con semi oleosi di zucca e lino, cioccolato extra fondente con liquirizia.

Abbiamo parlato anche di ricette con lo chef Davide Oldani, il quale ha giustamente criticato chi mette la nutella nella nostra buonissima piadina romagnola, ed io ho rincarato la dose aggiungendo  che neppure la maionese si deve mettere nella nostra piada 🙂
“I sapori devono essere equilibrati”, insiste lo chef, “prendete una piccola piadina calda, tostate una nocciola e grattugiatela sopra la piadina, grattugiate anche una po’ di cioccolata insieme a una scorzetta di limone.” Non ricordo se la scorzetta di limone la metteva sulla sogliola o sulla piadina, perché a quel punto la mia salivazione era a 1000, avrei potuto  perdere i sensi 🙂

Io non ho fatto la piada ma dovevo provarla oltre che mangiarla a morsi. In casa avevo del Formaggio Raviggiolo, il pane e l’olio buono, ho osato.

Ingredienti per il formaggio Raviggiolo

Per circa 3 hg di formaggio
1 lt di latte intero fresco
1 cucchiaino di caglio
1 pizzico di sale

Procedimento
Mettete il latte sul fuoco e portatelo ad una temperatura di 38°C. Toglietelo dal fuoco, aggiungete il cucchiaino di caglio ed il sale. Mescolate e lasciatelo riposare con il coperchio, per un’ ora circa.
A questo punto si sarà formata la cagliata che prenderete con le mani per metterla in una fuscella di diametro di cm 10.
Lasciatela scolare dapprima fuori dal frigorifero poi, il giorno dopo, dentro il frigorifero. Scolate il latticello che si formerà.

A questo punto potete usare il formaggio a piacimento.
Io l’ho spalmato sul pane, ho aggiunto un filo d’olio buono ed una bella grattugiata di cioccolato ai semi oleosi.

Osate anche voi!

Confort food, Cose salate, Primi

Il n. 2 di IFoodStyle, il magazine di IFood.it e la Zuppa di castagne e funghi porcini con la pasta Qubetto di Verrigni, pasta tutta Italiana

10 gennaio 2017

[disclaim][/disclaim]

Siamo arrivati al n. 2 di IFoodStyle, il magazine di IFood, ideato e pensato da persone entusiaste di fare parte di questo gruppo, che amano cucinare, sperimentare, studiare gli ingredienti che possono stare bene insieme, studiare set fotografici.

Qui vi presento una delle mie due ricette, “La zuppa di castagne e funghi porcini con la pasta Qubetto” del Pastificio Verrigni”. La ricetta la trovate a pag. 143 del Magazine, sotto troverete il link.
Vi parlo del Pastificio Rosetano nel terzo capitolo del Romanzo “Amelia”. Siete stupiti?

Il romanzo di Amelia è arrivato al terzo capitolo e siamo al momento cruciale. Nonostante tutto, la protagonista, non perde la passione per il suo lavoro, cucina con la pasta del Pastificio Verrigni e ne racconta un po’ di storia. Cliccate qui sotto per leggere tutto.

Eccolo qui il nostro Magazine. A pagina 143 troverete la ricetta di questa buona zuppa fatta con la pasta Qubetto e tante ricette e rubriche delle mie bravissime colleghe.

Buona lettura e buona visione.

Confort food, Cose salate, Cucinare con gli avanzi, Cucinare con gli avanzi, Secondi

Polpette con zucca, ceci e zafferano di Betancuria

2 gennaio 2017

Di polpette oramai ne ho fatte in tutti i modi. All’inizio erano solo di carne, soprattutto con l’avanzo del lesso della domenica. Poi ho iniziato aggiungendo all’impasto qualche erba: spinaci, erbette, rosolace …
Ultimamente le ho fatte di melanzana, ottime davvero; le ho fatte anche con la quinoa, mettendo anche la buccia grattugiata degli agrumi, racchiudendo all’interno un cubetto di formaggio. Credo che siano quelle le più buone in assoluto che abbia mai mangiato.
L’altro giorno mi rimanevano della zucca e dei ceci, ho provato questa ricetta, aggiungendo lo zafferano di Betancuria ammollato nel latte tiepido. Deliziose e delicate.

Betancuria è una cittadina dell’isola di Fuerteventura, è famosa sia per il laboratorio dell’aloe, che per la coltivazione dello zafferano che è leggermente più profumato del nostro italiano.

j

Ingredienti per 4 persone
300 g di polpa di zucca gia cotta
250 g circa di ceci cotti e scolati
40 g di parmigiano grattugiato
farina q.b. per la panatura
30 g di pangrattato
1 uovo
sale, pepe
noce moscata
5 pistilli di zafferano fresco
2 dita di latte caldo ma non bollente
olio di semi  q.b.

Procedimento
Cuocete la zucca tagliata a fette nella carta alluminio, origano fresco e qualche foglia di salvia per circa 30 minuti a 200°C,poi togliete la buccia e le erbe, quindi ricavate 300 g di polpa ( potete cuocere grandi quantità di zucca per poi utilizzarla in diverse preparazioni ).
Versate i ceci in un recipiente con la zucca cotta, aggiungete l’uovo e frullate gli ingredienti fino ad ottenere una crema.
Nel frattempo avrete messo in ammollo lo zafferano per qualche ora.
Aggiungete il parmigiano, il latte allo zafferano,  la noce moscata a piacere; regolate di sale e aggiungete pangrattato quanto basta ad ottenere un composto morbido, ma facile da lavorare ( occorreranno circa 30 g di pangrattato ).
Con il composto a base di zucca e ceci formate delle piccole polpette e passatele nella panatura di farina.
Disponete le polpette in una teglia rivestita di carta forno e conditele con poco olio, quindi cuocete nel forno caldo preriscaldato per circa 10-15 minuti, o finché saranno dorate ( il tempo di cottura dipende dalla grandezza delle polpette).

Servite calde o tiepide.

 

 

CONSIGLIA Insalata con caprino e noci