“Cavolo che freddo”! Ecco cosa  si sente dire spesso in questi giorni. Giorni lenti, le feste di Natale appena trascorse, poi  l’Epifania “che tutte le feste si porta via”. Quando ero piccola, i regali li portava la befana, non Babbo Natale.
Ricordo un anno in particolare, l’anno in cui ricevetti in regalo “Cicciobello”, ve lo ricordate? Il mio bambolotto nella schiena aveva una cordicella, quando la tiravo lui piangeva oppure rideva. Era biondo, con un vestititno di lana azzurro e sotto aveva un camicino bianco candido di cotone leggero. Le scarpine di lana, sempre azzurre, le guance rosa come la boccuccia. Che felicità!
Ma quell’anno, forse, ero stata particolarmente buona perché, arrivata per pranzo, insieme ai miei genitori dai  nonni, trovai un’altra sorpresa. Il passeggino di Piero! Quello era il nome che avevo dato al mio Cicciobello.
Nonna mi disse che la befana era talmente carica di giochi che non ce la faceva a portarli tutti, quindi aveva depositato da lei il passeggino sapendo che il giorno dopo sarei andata a pranzo dai nonni.
Anche i pranzi dalla nonna erano da favola, ricordo in particolare un ragù che era chiamato “ragù matto”, si faceva con la salsiccia oppure con la pancetta, anziché usare la carne tradizionale e farlo bollire per ore e ore, era buono e saporito e si faceva presto a cuocere.
Da un’idea di Simona Stentella, ho aggiunto la zucca alla salsiccia, ed è ottimo.

Ingredienti per 4 persone
500 g di salsiccia di suino
300 g di zucca pulita
1 cipolla rossa
1 costa di sedano
3/4 foglie di basilico (facoltativo)
2 cucchiai di olio extravergine di oliva
1 bicchiere di salsa di pomodoro
1 cucchiaio di concentrato di pomodoro
1/2 bicchiere di Sangiovese
sale e pepe q.b.
scaglie di pecorino per guarnire
360 g di pasta integrale

Procedimento
Tagliate la cipolla ed il sedano finemente e fateli  appassire nell’olio caldo in un tegame antiaderente.
Togliete la pelle alla salsiccia, sminuzzatela con le mani e mettetela a rosolare nel tegame insieme alla cipolla ed al sedano. Tagliate la zucca a cubetti e aggiungetela alla salsiccia.  Quando la carne sarà rosolata e il sughetto di olio sarà assorbito, aggiungete il vino, lasciate evaporare. A questo punto mettete il pomodoro e il concentrato. Salate, pepate. Lasciate bollire circa un’ora a fuoco molto basso. Prima di toglierlo dal fuoco, aggiungete il basilico.
Cuocete la pasta, scolate, condite e tagliate il pecorino a scaglie.

Buona Epifania a tutti voi

1 Comment on Penne con “ragù matto” di salsiccia e zucca

  1. Carmen
    6 gennaio 2017 at 21:41 (3 mesi ago)

    Qui al sud…freddo terribile noi che proprio non ci siamo abituati. Questo ragú matto è perfetto per scardarsi un pó (ho un debole per il ragù) l’idea della zucca da aggiungere mi piace un tot…complimenti!

    Rispondi

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

Comment *